COSA È LA PSICOTERAPIA DELL’ETÀ EVOLUTIVA?

Durante l’età evolutiva (dai 3 ai 18 anni) il bambino prima e ragazzo poi, affronta molti cambiamenti (fisici, emotivi, comportamentali), continue prove, infinite sfide quotidiane. Deve staccarsi da mamma e papà e raggiungere una sua autonomia, deve avere a che fare con una realtà esterna, ben diversa dal ristretto mondo casalingo di cui è il piccolo sovrano, in cui si scontrerà con altri piccoli sovrani di altrettanti piccoli regni, deve confrontarsi con adulti diversi dai suoi genitori, con l’apprendimento di nuove regole, l’inizio della scuola, le prestazioni scolastiche, il confronto con i coetanei.

Crescere è un’attività che accomuna tutti, ma non possiamo dare per scontato che tutti abbiano i mezzi emotivi, cognitivi e relazionali per affrontare tutto questo senza grosse ripercussioni.

Per alcuni vivere un normale giorno da bambino o adolescente può diventare una sofferenza, può essere fonte di grande disagio. Questo malessere può essere verbalizzato o somatizzato ed esplodere sotto forma di problemi fisici, comportamentali, emotivo-relazionali.

CHI È LO PSICOTERAPEUTA DELL’ETÀ EVOLUTIVA?

Lo psicoterapeuta dell’età evolutiva è un professionista, laureato in psicologia o medicina, abilitato a svolgere attività di psicoterapia dopo aver frequentato una scuola di specializzazione di 4 anni.
Lo Psicoterapeuta compie inizialmente un’accurata INDAGINE del funzionamento del bambino, cioè di come sono interconnessi i suoi pensieri, le sue emozioni e come questi influenzino i suoi comportamenti. Successivamente il professionista condivide con la famiglia una “fotografia” del bambino proponendo un percorso terapeutico ritagliato sulle caratteristiche individuali del bambino che esula dalla sterile etichetta diagnostica.

QUANDO INTERVIENE LO PSICOTERAPEUTA DELL’ETÀ EVOLUTIVA?

Quando il bambino/adolescente manifesta difficoltà nell’affrontare situazioni dal forte impatto emotivo, lo/la psicoterapeuta dell’età evolutiva, offre un lavoro di supporto psicologico per accompagnare il giovane e la sua famiglia nel districarsi tra le difficoltà vissute o quotidiane.

Tratta:

  • DISTURBI DEL COMPORTAMENTO (ADHD, disturbo oppostivo provocatorio, disturbo della condotta, discontrollo degli impulsi)
  • DISTURBI EMOTIVO-RELAZIONALI (disturbi della sfera emozionale, ansia e preoccupazioni generalizzate, ansia da separazione, fobia scolare, depressione infantile)
  • DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO
  • DISTURBI DELLA PERSONALITÀ
  • DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (in equipe con nutrizionista)
  • DIPENDENZE

COME SI SVOLGE LA SEDUTA DI PSICOTERAPIA DELL’ETÀ EVOLUTIVA?

Gli strumenti principali di intervento sono:

  • l’osservazione del comportamento del bambino attraverso attività ludiche
  • il colloquio clinico
  • i test psicodiagnostici
  • il disegno

LE NOSTRE PSICOLOGHE/PSICOTERAPEUTE DELL’ETÀ EVOLUTIVA

Dott.ssa Claudia Di Giulio

Dott.ssa Margherita Signorini

COME LAVORIAMO:


Colloquio Gratuito

Su vostra iniziativa personale, su suggerimento del pediatra o della scuola, potete richiedere un PRIMO COLLOQUIO. È lo strumento attraverso il quale avviene il primo approccio al tuo caso specifico, si tratta di un INCONTRO INFORMALE in cui potrai esporci tutti i tuoi dubbi sulle difficoltà del tuo bambino o su ciò che di strano hai riscontrato nei suoi comportamenti, la responsabile del centro ti guiderà nella comprensione del problema e nella scelta dell’intervento terapeutico che più si adatta alle sue esigenze.


Valutazione

Se dal primo colloquio emerge la necessità di approfondire la situazione, si da il via ad una serie di INCONTRI VALUTATIVI, che prevedono OSSERVAZIONE, somministrazione di TEST e QUESTIONARI, tali incontri posso- no coinvolgere il neuropsichiatra infantile, lo psicologo, il terapista della neuro-psicomotricità e il logopedista, questi specialisti lavorano in equipe per avere una visione globale del problema e delle strategie da mettere in atto nell’intervento riabilitativo.


Restituzione

In un colloquio con i genitori vengono condivisi, con la neuropsichiatra infantile, i RISULTATI DELLE VALUTAZIONI e il quadro complessivo del bambino dal punto di vista neuropsicologico, cognitivo, comportamentale, linguistico, senso-motorio e prassico. Vengono esposte le strategie riabilitative per affrontare la situazione del bambino/ragazzo. I professionisti del Centro lavorano in Equipe, scambiandosi consulenze ed esperienze per fornire una visione globale del disagio e del percorso riabilitativo da mettere in atto.


Terapia

La terapia si prepara su un PROGETTO RIABILITATIVO e può essere effettuata uno a uno con la terapista (LOGOPEDISTA/TNPEE)/psicologa di riferimento, o in terapie di gruppo, il PERCORSO È PERSONALIZZATO e cucito su ogni nostro paziente. Tenendo conto dei punti di forza e debolezza emersi durante l’osservazione e la valutazione standardizzata La/il terapista/psicologa/o programma delle attività di potenziamento delle aree deficitarie e accompagna il giovane paziente in ogni suo piccolo progresso.


Follow Up

Il Follow up è un CONTROLLO PERIODICO durante il quale si aggiornano i genitori sull’andamento della terapia, il/la terapista informa i genitori sugli obiettivi raggiunti e quelli nuovi prefissati, il tipo di lavoro svolto e il tipo di lavoro che si andrà a fare nella continuazione della terapia. Vengono somministrati dei test standardizzati che, insieme alla valutazione clinica, permettono di quantificare i miglioramenti del bambino nelle diverse aree


Dimissione

Se dalle valutazioni di verifica vengono RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PROGRAMMATI nel progetto riabilitativo concordato con l’equipe neuropsichiatrica si procede alla dimissione del paziente e si programmano delle visite di controllo a cadenza annuale per monitorare il percorso evolutivo del bambino.


CREDI DI AVER BISOGNO DI UNA CONSULENZA