Tuo figlio non è un “somaro”… NESSUN BAMBINO È UN SOMARO

Tuo figlio non è un “somaro”… NESSUN BAMBINO È UN SOMARO

pubblicato in: Apprendimento | 0
30 anni fa, quando andavamo a scuola noi, Nino (nome di fantasia) era “un asino”, era “intelligente, ma non si applica”, era “svogliato”, oggi sappiamo che nessun bambino non vuole essere bravo, nessun bambino è solo svogliato e astenico, nessun bambino non vuole avere le stelline sul suo quaderno, ma sappiamo anche che ci sono bambini con un disordine pervasivo che non gli permette di organizzare, coordinare e regolare l’apprendimento,
 
bambini con difficoltà che non gli permettono di sviluppare l’autogoverno delle proprie azioni mentali.
 
Oggi sappiamo che questa condizione può e deve essere migliorata da una buona azione educativa, un’educazione specifica.
Questo disordine deve essere Ri-organizzato attraverso l’esercizio di tutte le funzioni umane.

APPROFONDIAMO L’ESPRESSIONE: DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO

 

Le difficoltà di apprendimento in età evolutiva sono suddivisibili in:

  • Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA)
    dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia sono sottesi da specifiche disfunzioni neuropsicologiche, isolate o combinate
  • Disturbi non specifici di apprendimento
    difficoltà ad acquisire nuove conoscenze e competenze non limitata ad uno o più settori specifici delle competenze scolastiche, ma estesa a più settori:
    – il Ritardo Mentale,
    – il livello cognitivo borderline,
    – l’ADHD,
    – l’Autismo ad alto funzionamento,
    – i Disturbi d’ansia,
    – entità diagnostiche che causano o possono causare disturbi non specifici dell’apprendimento

La parola “disturbo dell’apprendimento” fa subito pensare ai problemi di lettura, scrittura e matematica che un bambino incontra a scuola e quasi tutti la considerano una forma di difficoltà di apprendimento, ma la difficoltà di apprendimento è solo un aspetto.

Potremmo fare una lunga lista di dislessici famosi, a conferma che la loro genialità non è a dispetto della dislessia ma grazie ad essa.

Avere la dislessia non farà di ogni dislessico un genio, ma giova all’autostima del dislessico sapere che la sua mente funziona esattamente come quella di grandi geni.

Per cambiare prospettiva riguardo ai disturbi dell’apprendimento, da incapacità a dono, dobbiamo partire da cos’è la dislessia e cosa significa essere dislessico.

 

Non tutti sviluppano gli stessi doni, ma tutti hanno alcune caratteristiche comuni come:

• essere più curiosi della media;
• pensare per lo più per immagini anziché a parole;
• avere molto intuito;
• pensare e percepire in maniera multi-dimensionale;
• avere una vivida immaginazione.

 

Le ultime ricerche indicano che circa il 5% della popolazione scolastica presenta un disturbo specifico di apprendimento,

in altre parole 1 BAMBINO SU 20,→ PRATICAMENTE CE N’È UNO IN OGNI CLASSE.

il bambino con difficoltà d’apprendimento può riuscire a scuola, ha solo bisogno di un insegnamento diverso.

Il bambino DSA impara in maniera diversa e può aver bisogno del triplo di tempo rispetto ai compagni, ha bisogno sempre di consegne chiare e possibilmente sperimentabili.

Un approccio didattico migliorativo dovrebbe mirare all’insegnamento dell’uso degli strumenti compensativi e l’azione didattica dovrebbe tendere ad aiutare i ragazzi, a sfruttare al meglio le risorse disponibili e personali di ciascuno, per non metterli di fronte a richieste eccessive e frustranti ma altresì valorizzarli.

Da Progressi puoi trovare personale qualificato per indicarti gli strumenti più utili per supportare il tuo bambino nell’apprendimento e potenziare il suo metodo di studio.

 

“Se non imparo nel modo in cui tu insegni, insegnami nel modo in cui imparo.” Cit.


TUO FIGLIO HA DIFFICOLTÀ A SCUOLA?

  •  Se tuo figlio va male a scuola,
  •  Non capisce ciò che legge,
  •  Non ricorda quello che ha studiato,

non fermarti alla sgridata, non credere che a lui non importi,

approfondisci il problema, chiamaci per un colloquio gratuito,

una equipe specializzata prenderà in carico il vostro caso e troverà l’approccio migliore e su misura per le vostre esigenze specifiche.

IL COLLOQUIO È GRATUITO*

Potrai esporre alla nostra responsabile la situazione che stai vivendo, per capire se c’è la necessità di intervenire.

Le scelte che facciamo oggi possono essere fondamentali per il futuro dei nostri figli,  per la loro vita familiare, sociale, scolastica e lavorativa

Non consigliamo a nessuno di accogliere ansia o apprensione, ma quando si tratta del benessere dei propri bambini è bene avere qualche scrupolo in più,

“NON ASPETTARE E IL TEMPO SARÀ DALLA TUA PARTE.”

Scaccia ogni dubbio,

Parlarne con I nostri PROFESSIONISTI .

Lascia i tuoi dati e ti chiameremo per fissare un appuntamento.

PRENOTA IL TUO COLLOQUIO GRATUITO

 

Il Centro Progressi rientra nel
Registro dei Centri Clinici Specializzati e Certificati nei disturbi specifici di apprendimento (DSA)

 

*COME FUNZIONA IL PRIMO COLLOQUIO:

Si tratta di un INCONTRO INFORMALE in cui potrai esporci tutti i tuoi dubbi sulle difficoltà del tuo bambino o su ciò che di strano hai riscontrato nei suoi comportamenti, la responsabile del centro ti guiderà nella comprensione del problema e nella scelta dell’intervento terapeutico che più si adatta alle sue esigenze.

Porta con te la documentazione clinica del bambino, la sua presenza non è opportuna in questa fase. Se non hai possibilità di lasciarlo a qualcuno portalo qui, potrà aspettarvi nell’area giochi.


Il Centro Progressi si trova a
Villa Adriana (Tivoli)
Via Lago di Misurina 12.
Tel : 07741840343

Chiamaci allo 0774 1840343 o scrivi a info@progressietaevolutiva.it

Condividi su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Lascia una risposta