Genitori autorevoli o autoritari?

Genitori autorevoli o autoritari?

pubblicato in: Educazione | 0

Essere per Educare, guidando il bambino senza soffocarne il temperamento

Spesso dimentichiamo che alla nascita di un bambino nascono con lui due nuovi genitori,
molte volte i due nuovi genitori sono giovani e per quanto felici, si trovano a vivere momenti confusi, sommersi da responsabilità e paure.

Crescendo poi, devono sostenere una generazione nuova, di bambini e adolescenti sempre più precoci da alcuni punti di vista e tardivi su altri, si trovano ad essere genitori in una società che cambia sempre più repentinamente e un’offerta di vita, relazionale, pedagogica, tecnologica diversa da quella fino a quel momento conosciuta.

Nel Novecento, un lento processo ha portato allo svuotamento dell'”autorità parentale”, con il passaggio dal concetto di “PATRIA POTESTÀ” a “RESPONSABILITÀ GENITORIALE”.

In questo lungo percorso che ha portato al riconoscimento del Bambino come individuo con propri diritti, esperienze e bisogni (fisici, psichici, culturali e sociali) già prima del raggiungimento dell’età adulta, sono cambiati notevolmente i rapporti interfamiliari.

In una relazione familiare dall’ordinamento orizzontale, l’idea di “AUTORITÀ” viene sostituita da quella di “AUTOREVOLEZZA” e il “padre padrone” deve lasciare il posto ad un genitore che diventi una guida per una vita armoniosa dei propri figli.

Oggi, questo ordine delle cose si è notevolmente radicato, rischiando spesso di sfociare dalla parte opposta, in una mancanza di regole e rispetto.

Oggi assistiamo ad uno stravolgimento delle tappe di sviluppo del bambino nel cammino
“IO-FAMIGLIA-SCUOLA-SOCIETÀ-MONDO DEL LAVORO”.

Il Ruolo dei genitori

Oggi come non mai il ruolo del genitore, spesso stanco e affaticato dai ritmi che la vita impone, deve far fronte a maggiori responsabilità, supportando una crescita rapida, accelerata e artificiale.

Ogni genitore deve stare attento ai bisogni della sua famiglia e dei suoi bambini e applicarsi per scongiurare la sparizione dell’infanzia, sotto una pressione ambientale che tende sempre più ad appiattirne la durata e anticipare l’entrata del bambino in una sorta di preadolescenza turbolenta e difficile.

Il mestiere del genitore è difficile, bisogna lavorare attraverso l’esempio ed essere la miglior versione di se stessi da comunicare ai propri figli.


“I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi.”
C.G. Jung


Se da una parte l’atteggiamento di genitore-amico può essere pericoloso se male interpretato, dall’altra l’autorevolezza non deve impedire al genitore di inginocchiarsi a terra e giocare col figlio, sfidare il proprio bambino a pallone, parlare con i figli adolescenti di qualsiasi argomento, in un’armonica sintesi di autorevolezza e amicizia.

La comprensione psicologica dei bisogni del bambino è una condizione necessaria per affrontare i momenti di difficoltà e opposizione, abbandonando collera e intolleranza.

L’autorevolezza deve essere il frutto di qualità morali e intellettuali, è una condizione necessaria allo sviluppo del bambino e al raggiungimento della sua maturità.

I genitori hanno nelle mani l’equilibrio, la serenità e la dirittura morale del proprio bambino, è usando istinto, cultura e tradizione che ne possono influenzare positivamente la crescita.


Qualche suggerimento:

DECALOGO di un genitore, forse imperfetto ma pieno d’amore

  1. Essere se stessi
  2. Essere disponibili nel gioco, nelle discussioni e nell’ascolto
  3. Dare esempio di autocontrollo
  4. Dare sicurezza nelle piccole e grandi cose
  5. Non essere infallibili, ma alla fine trovare una soluzione ai problemi della vita
  6. Mantenere il segreto delle confidenze
  7. Essere autorevole e non autoritario, creando la stima con l’esempio
  8. Controllare il proprio temperamento
  9. Mostrare armonia, stima e concordanza pedagogica con l’altro genitore
  10. Rendere almeno la cena un momento d’incontro

Non sempre quelli che possono sembrare comportamenti semplici da attuare riescono naturali, a volte la stanchezza, la frustrazione, un disagio psicologico, un’atteggiamento sbagliato e automatizzato nel tempo, rendono difficile ad un genitore il contatto con il suo bambino e la comprensione dei suoi bisogni. Se i rapporti in famiglia diventano complicati e non sai come gestirli, puoi sempre chiedere aiuto…

Mai Sentito Parlare di Parent Training?

Il periodo di sviluppo tra i 3 e gli 11 anni costituisce un periodo sensibile non solo per i passaggi di crescita bensì per la delicata sintonia che si va costruendo tra lo stile genitoriale e le caratteristiche del bambino.

Come riconoscere i bisogni del proprio figlio in un periodo così delicato?

Come rispondervi in modo adeguato senza incorrere nel rischio di “viziare” il bambino?

L’arrivo dell’adolescenza comporta una serie di cambiamenti fisici e relazionali che riattivano e mettono in discussione il rapporto con se stessi, con i genitori e con i pari.

Come essere Genitori Pronti, come essere presenti senza impedire ai nostri figli di sperimentarsi?

Come affrontare i delicati temi che questa fase di vita ci presenta?

Quando i genitori non riescono più a vivere serenamente le relazioni familiari, a controllare gli aspetti educativi dei propri figli e a gestirne i comportamenti e le difficoltà emotive, relazionali o cognitive, può richiedere un supporto psico-educativo ad uno psicoterapeuta.

Attraverso l’analisi della propria storia personale, lo psicoterapeuta accompagna i genitori nella comprensione del proprio stile genitoriale e di quali sono gli aspetti più critici. Lo specialista indica quali possono essere le strategie per modificare i comportamenti problematici del bambino/ragazzo e quali sono le possibilità di cambiamento, indirizzando i genitori verso uno STILE EDUCATIVO PIÙ FUNZIONALE ED EQUILIBRATO per tutta la famiglia.

Questo tipo di terapia è funzionale per molti disturbi dell’età evolutiva ed in particolare risulta particolarmente efficace nel trattamento dei disturbi esternalizzanti, quali il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), il disturbo oppositivo provocatorio (DOP) ed il disturbo della condotta (DC).

Il Parent training è un PERCORSO TERAPEUTICO PSICOEDUCATIVO che coinvolge i GENITORI.
L’obiettivo del programma di psico-educazione è quello di fornire al genitore strumenti per comprendere alcuni comportamenti del bambino apparentemente “senza senso” (ad. es. perché un bambino intelligente e competente non interiorizza la regola anche se viene ripetuta più e più volte?) e sostenerlo nell’affrontare le proprie difficoltà, migliorando la relazione e la comunicazione con il proprio figlio.

Lo psicoterapeuta, attraverso indicazioni pratiche, suggerisce ai genitori l’approccio migliore nella gestione di situazioni concrete di disagio e difficoltà.


Da Progressi potrai trovare professionisti specializzati per parlare delle situazioni difficili che non riesci ad affrontare da sola/o.

IL PRIMO COLLOQUIO È GRATUITO*

Potrai esporre alla nostra responsabile la situazione che stai vivendo, per capire se c’è la necessità di intervenire.

Le scelte che facciamo oggi possono essere fondamentali per il futuro nostro e dei nostri figli, per la loro vita familiare, sociale, scolastica e lavorativa

Lascia i tuoi dati e ti chiameremo per fissare un appuntamento.

PRENOTA IL TUO COLLOQUIO GRATUITO


*COME FUNZIONA IL PRIMO COLLOQUIO:

Si tratta di un INCONTRO INFORMALE in cui potrai esporci tutti i tuoi dubbi sulle difficoltà del tuo bambino o su ciò che di strano hai riscontrato nei suoi comportamenti, la responsabile del centro ti guiderà nella comprensione del problema e nella scelta dell’intervento terapeutico che più si adatta alle sue esigenze.

Porta con te la documentazione clinica del bambino, la sua presenza non è opportuna in questa fase. Se non hai possibilità di lasciarlo a qualcuno portalo qui, potrà aspettarvi nell’area giochi.

 

Il Centro Progressi ha due sedi

VILLA ADRIANA: Via Lago di Misurina 12, 00019 a Villa Adriana, Tivoli (RM)

Tel : 0774 1840343

WhatsApp: 348 1352808

info@progressietaevolutiva.it

TIVOLI: Via naz. tiburtina, 69 a Tivoli (RM)

Tel:  0774 010390

WhatsApp: 340 8885313

progressitivoli@gmail.com

Condividi su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Lascia una risposta